Vito D'Urso Consulente Web Marketing Roma

Vito D'Urso
Consulente Web Marketing
Vito D'Urso
Consulente Web Marketing
Vai ai contenuti

Web Reputation e Reputazione digitale

Servizi

REPUTAZIONE ONLINE


Reputazione digitale

reputazione online

identità digitale

web reputation


In collaborazione con Si4Web
           

Web Reputation cos'è?


La Reputazione digitale o Web Reputation è un'attività strategica fondamentale per le aziende e le organizzazioni, perché consente di capire qual è in generale l'opinione diffusa on line riguardo alla tematica a cui si è interessati.
Le persone che hanno una buona web reputation personale sono molte, ma solo una piccola percentuale s’impegna a comunicarla in maniera corretta, credibile e autorevole.  

La Reputazione online è rivolta principalmente alle PMI e le attività professionali che intendono rafforzare la propria reputazione, trasferire competenze, storia e valori ai potenziali clienti e migliorare il posizionamento e la competitività sul mercato.

Web Reputation


Web reputation personale e aziendale


La Web Reputation è l’insieme dei dati che costituiscono la fame digitale di una persona o di una società. Non è il numero dei like ricevuti che danno una certa reputazione positiva, ma la qualità dei ciò che produce ogni persona a livello digitale e ciò che comunica.

Hai mai provato a digitare su Google il Tuo nome, il nome della tua Azienda o della Tua Attività?
Cosa restituisce il principale motore di Ricerca?

Oggi, il 95% delle persone va in rete a fare ricerche e se non ti trova, cosa succede?
Sceglie la concorrenza.
Per questo motivo è fondamentale iniziare a crearsi una propria identità digitale.

Ognuno di noi individualmente è un’azienda e come tale è fondamentale che se ne parli bene nel momento in cui ci trovano in rete. Nota fondamentale: Su internet i contenuti rimangono per sempre!

Quando un potenziale cliente deve prendere delle decisioni per la scelta di  un prodotto, di un servizio o di un professionista, qual è la prima cosa che fa? Si documenta, cerca sul web più informazioni possibili, legge le recensioni degli altri , in sintesi si fa un’idea più chiara sulle decisioni da prendere.

Sicuramente, la maggior parte delle attività e dei professionisti, hanno lavorato con il “passaparola” dei clienti.
E’ una cosa positiva che in passato ha permesso di essere conosciuti..

Peccato che, nella stragrande maggioranza dei casi e in prospettiva futura, questa strategia NON è più sufficiente!
Il “passaparola” da offline è diventato anche e soprattutto online: dalle recensioni nei siti alle testimonianze nei social.. Riceviamo periodicamente comunicazioni che ci chiedono di lasciare un feedback che possa essere utili agli altri consumatori, anche questa è Web Reputation.

Con la digitalizzazione dell’economia e l’espandersi dei social , la web Reputation è diventata sempre più importante e virale, ma per costruirsi una vera identità digitale bisogna rispettare alcuni principi:

Primo tra tutti la coerenza. Inutile decantare ciò che poi in realtà non siamo. Raccontiamo con sincerità chi siamo, cosa facciamo e a chi ci rivolgiamo, il nostro lettore ci apprezzerà. In caso contrario ci troveremo, come un boomerang, in spiacevoli situazioni a cui dovremmo dare spiegazioni.

Secondo poi “mettiamoci la faccia”. Inutile nascondersi dietro un dito. Il web ed i social sono sommersi di informazioni fake , presentiamoci mettendo in mostra chi siamo veramente attraverso foto e video originali.

Ultimo passo importante: le recensioni.
Nella scelta ad esempio di un professionista, chi è più convincente?
Colui che è stato recensito sul web a 1 stella o chi ne ha ricevute 5?

Io sceglierei il migliore del settore, aiutato dalla lettura delle motivazioni che hanno spinto gli utenti a mettere il massimo dei voti. Da non trascurare anche le recensioni negative, posso compromettere seriamente la nostra reputazione digitale. Analizziamole e sfruttiamole per migliorare il nostro lavoro.

Come costruire una buona reputazione on line?

Io, come consulente web marketing ho iniziato da qui:  leggi articolo Ansa.it
Torna ai contenuti